Il sito italiano sul mondo delle sigarette elettroniche

Tabacco o mentolo? Il liquido preferito è una questione da adulti

24 ottobre 2014 in Notizie

L’abbiamo già scritto e ripetuto. La maggior parte degli studi indipendenti non ha trovato prove alla tesi che la sigaretta elettronica sia “un’esca per gli adolescenti”. I dati messi a disposizione dalla comunità scientifica confermano che il numero di nuovi utilizzatori non è solo trascurabile solo tra i minorenni, ma in qualsiasi categoria d’età. Anche tra i vapers adulti, ad esempio, la presenza di “iniziati” al vaping è davvero minima: la catena è sempre fumo-svapo. In alcuni casi si allunga: fumo-svapo-riduzione-cessazione.

Un’indagine condotta da un’azienda tedesca su un campione rappresentativo di 800 vapers in Germania, Austria e Svizzera conferma che lo svapo è roba da adulti. I dati raccolti da PowerCigs a partire dal numero di vapers tedeschi, che hanno ormai raggiunto quota 2 milioni (4-5 volte i vaper italiani) hanno indagato caratteristiche, frequenza di consumo e stili di vaping. La maggioranza dei vaper che ha risposto al sondaggio ha tra 30 e 59 anni, il numero di utilizzatori con meno di 18 anni sono lo 0,13% (come già evidenziato nello Studio dei ricercatori di Harvard di Giugno). Sfatato anche un altro mito: solo l’1% del campione sostiene di essere arrivato alla sigaretta elettronica senza passare dal fumo. Il 95% è composto da fumatori e il 4% da ex-fumatori. Si conferma anche un’altra nota positiva: i fumatori pesanti, quelli da un pacchetto e più al giorno, sono nella stragrande maggioranza riusciti a ridurre il numero di sigarette fumate.

Perché si passa elettronica? I vaper hanno le idee chiare: il 19% ha scelto l’e-cig consapevolmente per evitare le sostanze cancerogene della sigaretta, il 17% per una maggiore soddisfazione provata con e il 16% per ridurre o eliminare la sigaretta dalla propria vita. In molti citano anche come “plus” per la scelta il risparmio economico e il vantaggio di non danneggiare i propri familiari con il fumo. Il 66% dei vapers dichiara di sentirsi meglio dopo lo switch. I benefici? Riduzione dell’insonnia, della tosse, miglioramento del respiro e maggiore resistenza nel salire le scale.

Ai vaper è stato chiesto anche delle preferenze. Gli aromi fruttati e i liquidi mixati in proprio sono in testa alle scelte dei vapers. Gli aromi tabacco incontrano le preferenze del 13% dei vapers, confermandosi gusti ideali per chi tenta il passaggio dal tabacco all’alternativa elettronica. Infine un dato che fa riflettere: se i vapers intervistati incontrassero un divieto all’acquisto di e-cigs si rivolgerebbero al mercato nero o comprerebbero i prodotti via Internet dall’estero.


Di Cosimo Colasanto

Commenta l'articolo