Il sito italiano sul mondo delle sigarette elettroniche

Le sigarette elettroniche meno dannose delle “bionde”: lo dicono 81 studi

9 agosto 2014 in Salute

“Paralizzare il mercato delle sigarette elettroniche potrebbe ridurre l’accesso a prodotti più sicuri e che potrebbero salvare delle vite umane”. È uno dei passaggi chiave delle conclusioni a cui sono giunti i ricercatori della Queen Mary University di Londra dopo aver messo a confronto gli effetti, in termini di vite salvate e salute pubblica, tra elettroniche e analogiche. I ricercatori britannici, guidati da Peter Hajek, hanno passato in rassegna e messo a confronto 81 studi scientifici che hanno rivoltato il “tema sigaretta elettronica” come una calzino analizzando: sicurezza dei prodotti, presenza di sostanze chimiche nei liquidi, utilizzo, residui, vapore passivo. Uno dei principali elementi in esame dello studio pubblicato su Addiction è stato quello della distinzione tra vapore e fumo sulla salute. Hajek e colleghi concludono che i rischi per la salute del vaper sono nettamente inferiori rispetto a chi fuma le sigarette convenzionali.

Le sigarette elettroniche salvano vite

Passare alle sigarette elettroniche potrebbe aiutare i fumatori a ridurre il consumo di sigarette e quindi a salvare vite, dice lo studio, ma un avvertimento va fatto alle persone con problemi respiratori e un’attenzione maggiore deve essere chiesta alle imprese che producono i liquidi per evitare e ridurre la presenza di sostanze chimiche potenzialmente nocive. Nessuna evidenza, invece, è stata trovata che le e-cig incoraggino i non fumatori o addirittura gli adolescenti.

81 studi in uno

Gli studi di revisione, come quello britannico, sono delle meta-analisi: utilizzano i dati e le conclusioni scientifiche di numerose ricerche, incrociandoli e confrontandoli. Per questo l’aver affermato, numeri alla mano (81 studi) la minore nocività della sigaretta elettronica rappresenta per i ricercatori un dato che le autorità nazionali non possono ignorare nella regolamentazione. “Le sigarette elettroniche dovrebbero essere messe in grado di competere con le sigarette tradizionali e i medici potrebbero consigliare i fumatori non disponibili alla cessazione dell’uso di nicotina a passare alle sigarette elettroniche”, dice Hajek.


Di Cosimo Colasanto

Commenta l'articolo